le gite di quest'anno
02/04/2018 -02/04
“SENTIERO DELLE ARTIGLIERIE AUSTRO-UNGARICHE"
15/04/2018 -15/04
ANELLO DI CASERA DAVASS (m.890)
29/04/2018 -29/04
CASERA CERESERA (m. 1347) …..alla ricerca del “motore alpino”
13/05/2018 -13/05
MONTE CESEN (m. 1570)
27/05/2018 -27/05
BIVACCO CASERA CAMPESTRIN (m.1649)
03/06/2018 -03/06
MONTE FIOR (m.1824)
17/06/2018 -17/06
PASSEGGIATA IN MEMORIA DI MARIAROSA
01/07/2018 -01/07
FESTA DELLA MONTAGNA a CASERA BETA
14/07/2018 -15/07
“DALL’ALPE DI SIUSI AL RIFUGIO BOLZANO”
29/07/2018 -29/07
PASSO ANTERMARUCOL (m.2334)
26/08/2018 -26/08
PIZ DE LAVARELA (m.3055) e PIZ DLES CONTURINES (m. 3064)
09/09/2018 -09/09
CIMA DELLA CALDIERA (m. 2124) e MONTE ORTIGARA (m. 2106)
23/09/2018 -23/09
FOCHET DEL FOCOBON (m.2240)
07/10/2018 -07/10
“TERIOL LADIN”
28/10/2018 -28/10
FALLER e il POM PRUSSIAN
Legenda:
Gita ancora da fare
Prossima Gita
Gita già effettuata
Immagini sulla gita

Quando sono indicate 2 date si intende che la gita ha durata di 2 o più giorni



Area riservata
Utente
Password
 
 
14/07/2018 (fino al 15/07/2018)
“DALL’ALPE DI SIUSI AL RIFUGIO BOLZANO”
Parco naturale dello Sciliar
 
DESCRIZIONE
Sabato
=====

Partenza dal parcheggio adiacente la seggiovia Spitzbuhel (m.1725), si segue il segnavia n°5 per carrozzabile fino ad incrociare, a quota 1900, il sentiero n°10; proseguiamo in discesa per raggiungere attraverso ampi pascoli la malga Prossliner Schwaige; ancora in leggera discesa per sentiero 1a costeggiando le vicine cascate Wasserf per poi ritornare in breve a quota 1900 all’incrocio con il sentiero che sale dal rifugio Saltner Hutte. Si prosegue per il segnavia n°1 chiamato il sentiero dei turisti; si sale su un percorso a zig-zag, dove si può ammirare tutta l’Alpe di Siusi, fino a raggiungere il ciglio dell’altopiano a quota 2350 m, in cui l’ambiente ritorna ad essere più pianeggiante. Da qui in circa mezz’ora si raggiunge il rifugio Bolzano (m. 2450), una storica costruzione tutta in pietra, fu uno dei primi rifugi dell’Alto Adige nel 1885, nostro punto di ristoro e pernottamento. Al tramonto si possono ammirare le belle sfumature di colore rosato che illuminano le aspre pareti del Catinaccio detto anche Rosengarten. Nel pomeriggio, (facoltativo) si può facilmente salire, in circa 20 min. sulla vetta più alta, il Monte Pez (m. 2563), dalla cui cima si può godere di un panorama a 360°di tutte le più alte vette dell’Alto Adige e oltre. Proseguendo verso nord per una traccia di sentiero in circa 15 min. si può raggiungere Monte Castello (m. 2515), luogo in cui fin dalla preistoria l’uomo si recava al solstizio d’estate per accendere fuochi sacrificando animali per le divinità, lo testimoniano i ritrovamenti di ossa bruciate e cocci di vaso), si possono anche ammirare le guglie delle punte Euringer e Santer; il ritorno al rifugio è per lo stesso percorso.


Domenica
======

Partenza mattutina dal Rifugio Bolzano, si ritorna sul Sent. n°1 dell’andata dove si arriva al bivio con il Sent. n°4 e si volge a destra, da qui si attraversa tutto l’altopiano, in un ambiente detritico fatto di sali scendi accompagnati da ometti di pietra che segnano il sentiero, con la possibilità di avvistare la fauna del luogo (marmotte, camosci). Arrivati a quota 2560, incontriamo il sentiero per la ferrata Maximillan, proseguiamo per il sentiero che gira ai piedi delle creste dei denti di Terrarossa e scende sul versante dell’anfiteatro della Val Ciamin, si prosegue in leggera salita sino al passo Alpe di Tires (m. 2440), dove troviamo il rifugio omonimo con l’inconfondibile tetto rosso; situato su un pianoro, al cui cospetto si può ammirare il massiccio del Molignon e le cime del Principe. Dopo la sosta si prende il Sent. n° 2 che in poco tempo arriva alla forcella dei denti di Terrarossa (m. 2499), altro punto panoramico dove si vede il Sassolungo , il Sassopiatto, il Catinaccio sul versante della Val Duron. Ora il Sentiero n° 2 scende con diversi tornanti su un ripido canalone detritico, per arrivare ai primi prati di Punta d’Oro a quota 2200, da qui il sentiero scende tranquillo su pascoli passando su alcune passerelle in legno che attraversano la palude di Ladinser arriva a riprendere il sentiero in direzione del parcheggio e al termine dell’escursione.


L’itinerario può essere seguito sulla cartina TABACCO foglio 05
 
Immagini a commento

il rifugio Bolzano

il rifugio alpe di Tires
 
SCHEDA INFORMATIVA
PRENOTAZIONE obbligatoria entro 30 giugno 2018 (20 posti disponibili!!)
partenza ore 6.30 parcheggio Centro Commerciale Bennet (Pieve di Soligo)
mezzo auto proprie
equipaggiamento da escursionismo d’alta quota e, per tutti: munirsi di sacco lenzuolo
difficoltà E – escursionistica - EE- Escursionisti Esperti per eventuali cime fac
dislivello salita sabato m. 800 fino al Rifugio Bolzano; domenica salita trascurabile
dislivello discesa
 
PROMOTORI telefono
Vito 345 9148730
 
 
 
Immagini riprese dai partecipanti

la magica Alpe di Siusi

.... lungo il percorso.........

nei pressi del rif.Bolzano, il Catinaccio

il rif. Bolzano, salendo al m. Spitz

momento di relax al rif. Bolzano

in vista del rifugio Alpe di Tires

Sassolungo e Sassopiatto emergono dall'Alpe

foto di gruppo nei pressi del Rif. Tires
 
 
Stampa la pagina
 
Gruppo Natura Prealpi - gnpre@libero.it QdpWebDesign (C)